Into the wild nelle foreste del Rogen

9 giorni/ 8 notti –  Sistemazioni : Hotel / tende – guide locali esperte . Agosto – settembre. Partecipanti : da 4 a 10 persone . Riserva Naturale del Rogen una delle  aree più remote e selvagge della Svezia .

Riserva naturale del Rogen

There is a pleasure in the pathless woods, There is a rapture on the lonely shore, There is society, where none intrudes, By the deep sea, and music in its roar: I love not man the less, but Nature more
George Gordon Byron

 

TIPOLOGIA DEL VIAGGIO La riserva natural del Rogen si trova al 62° parallel sotto il Circolo Polare  Artico. Si tratta di una enorme area naturale – 500km di estensione che va a congiungersi con un altra Riserva naturale – la Femundmarka – in Norvegia. Un paesaggio lunare – un labirinto di piccoli e grandi laghi circondato da foreste di pini e rocce moreniche – accumuli di detriti di varie dimensioni trasportati dai ghiacciai e depositati in seguito al loro scioglimento – che fanno di quest’ oasi naturale un luogo davvero speciale.

PROGRAMMA

1° giorno

 ARRIVO STAZIONE DI ROROS – NORVEGIA Pick up service per trasferimento hotel in Svezia – 50 minuti di macchina

Cena e pernottamento

2° giorno – KÄRINGSJÖNVALLEN

ORE 7.00 colazione e preparazione pranzo al sacco

ORE 9.30 incontro con la guida e brefing introduttivo

ORE 10.00 partenza per KÄRINGSJÖN VALLEN – KÄRINGSJÖN

Il tragitto – in macchina – si snoda attraverso il Rogen – in strada bianca – costeggiata da foreste di conifera – la strada è stata costruita a partire dal 1965 e soltanto nel 2001 – la prima rete elettrica – per alcune famiglie Sami abitanti nella zona. Arriveremo a destinazione intorno alle 11.30.

Prepareremo tutto il necessario per la partenza e via per uno dei percorsi emozionanti delle nostre proposte. Il paesaggio che ci aspetta è caratterizzato da acque cristalline e spiagge di sabbia bianca. Ma anche da una serie di piccoli laghi e rocce moreniche – che creano una sorta di geometria particolare a tutto il paesaggio. Per brevi tratti dovremo trasportare la canoa da un piccolo lago all’ altro. In queste acque troveremo temoli e trote e sarà un ottima occasione per cucinare il pescato nelle zone dove accamperemo. Non possiamo prevedere quanti km potremo fare in un giorno. La parola d’ ordine è “prendere tutto con calma” e decideremo insieme quando fermarci.Nella riserva sarà possibile campeggiare ovunque ma per accendere il fuoco dovremo usare le aree preposte – che avranno RedFox Adventure Holidays – Into the wild una copertura e troveremo legna a disposizione . Il Rogen è rimasto intatto come 10.000 anni fa. Per questo – seguendo la filosofia del Sami _ e cioè di non lasciare tracce dietro di noi – quando “usiamo Madre Natura” dovremo avere cura dell’ oasi in cui camminiamo e scoraggiamo viviamente di accendere fuochi ogni dove usando le legna del bosco. Come avremo modo di vedere ci troveremo di fronte a molte legna fossili che giacciono in queste aree da centinaia di anni. Hanno le forme piu’ strane e svariate – forme sinuose che il tempo e le intemperie hanno levigato ma anche tronchi dalle lunghe i radici che diramano nel terreno.

Distruggerle – utilizzandole per il fuoco – anche se fatto in buona fede – significa cancellare un ecosistema rimasto intatto da lunghissimo tempo. Il resto dei giorni ci confronteremo con una natura magica – bellissimi tramonti – ma anche alcune fastidiose zanzare – in certe aree che attraverseremo. Ma l’ uso di repellenti scongiureranno ulteriori fastidi. In questo angolo di paradiso potremo incontrare molte renne, alci e linci che trovano in queste terre il loro habitat naturale. Mappa area : http://www.graenslandet.se/images/stories/kartor/karta_granslandet.pdf

3 – 4 -5 -6 -7° giorno

Il resto delle giornate esploreremo l’ area della riserva Naturale , pescheremo e cucineremo il pescato. Quale miglior occasione di osservare una natura incontaminata ?Questi territori a lungo inesplorati appartenevano ed appartengono a popolazioni Sami – popolo indigeno scandinavo. Ma sono anche territori di rara bellezza – semplici nella sua essenza. Certo, durante il soggiorno potremo trovarci di fronte a pioggie improvvise o dovremo caricarci le canoe sulle spalle tanti sono i piccoli dedali di acqua e terra che ci troveremo davanti. Ma ne vale davvero la pena. Mai ci ritroveremo così vicini all’ essenza della natura.

Il nostro ultimo giorno in tenda. Ci prepareremo per il trasferimento all ‘ Hotel dove ci godremo un meritato riposo, una cena e perchè no anche una bella sauna.