L’era glaciale ed il sole di mezzanotte

Notte bianca

PERIODO : GIUGNO – LUGLIO:

Una settimana in un luogo dove il tempo si è fermato. Un rito di passaggio di una natura che si rinnova , si libera dai ghiacci per schiudersi al nuovo. Un paesaggio apocalittico segnato dalla  migrazione degli uccelli,  e dalla discesa a valle delle renne che partoriscono i piccoli.

 

Il nostro incontro sarà previsto nella bella cittadina di Roros in Norvegia. Un piccolo paese da non perdere che si caratterizza per le sue case, interamente in legno e dai tetti in fiore. Durante la stagione estiva, sui tetti liberi dalla neve si formano infatti belle orchidee ed erbe selvatiche. La cittadina mineraria già Patrimonio dell’ Unesco  ci porterà a condividere l’ atmosfera del tepore estivo e dei primi tavolini all’ aperto .Questa prima notte sara’ in un delizioso hotel  dove, l’ indomani inizieremo il tour di Roros.roros

Già dal mattino aprendo la porta di casa siamo immersi come in un giardino dell’ Eden. Si fa fatica ad aprire gli occhi – la luca chiara- quella bella – del Nord ti fissa già dalle quattro del mattino. E’ una luce divina che cala sulla natura circostante colorano i campi vessati dalla cromaticità dei lunghi inverni.

Dopo il tour cittadino , attraverseremo il confine di stato, per arrivare sul fronte svedese. Nel periodo tra giugno e luglio il paesaggio è in continua trasformazione. Le cascate cominciano a scorrere ed è la stagione in cui fanno l’ apparizione le renne che scendendo dalle alture monitorate dai pastori Sami .Chi sceglie di venire in questa fase scoprirà una natura incontaminata in una sua profonda trasformazione.

cottage 1

E’ un momento drammatico in cui  i ghiacci liberano dalla loro spessa coltre il paesaggio e tutto comincia a rifiorire . Le estati come sappiamo sono brevi ed in questo lasso di tempo gli animali, le piante, dovranno attuare quelle trasformazioni  necessarie per garantire la specie. Il tempo potrebbe cambiare repentinamente e gli animali devono essere di nuovo pronti a partire  dopo la parentesi dell’ estate .

Lungo le strade sarà facile incontrare molti animali ; le renne con al seguito i piccoli, ma anche le alci dal loro sguardo timido ma allo stesso tempo guardingo.

Le sistemazioni che consigliamo sono in cottage , per meglio immedesimarsi nella natura e nel mondo circostante. I cottage sono belli , accoglienti ed immersi nel paesaggio di una lapponia svedese caratterizzata da grandi laghi e silenzi. Per alcune di esse l’ accesso è soltanto a piedi , non ci sono strade. Questo conferirà alla vostra vacanza un aspetto speciale, come in una favola dove scaldarsi al fuoco di un caminetto acceso e addormentarsi nel silenzio e nel canto degli uccelli.renne

Il cottage dotata di sauna,veranda e vista meravigliosa è il luogo ideale anche per godersi appieno un relax meritato.

Ma perchè parliamo di era glaciale e di sole di mezzanotte?  In questo periodo dell’ anno entriamo nel solstizio d’ estate e  le giornate specialmente  a queste latitudini ,non raggiungono mai la notte piena. Si assiste ad una sorta di crepuscolo  tra le due  e le quattro del mattino  ed è facile trovarsi a camminare per strada durante le ore notturne come se fosse giorno. Le escursioni che effettueremo saranno giornaliere e nelle ore centrali della giornata.

La regione in cui ci troviamo conserva qualcosa di originale e primitivo. Il paesaggio è caratterizzato da rocce moreniche , residui dell’ era glaciale e legni fossili , quando la primavera comincia a sopraggiungere ecco che il paesaggio subisce una trasformazione tanto da far sembrare la terra come colpita da una mazza ti tamburo che si ripercuote come un onda su gli immensi laghi scandinavi . Perdersi e camminare su questi bacini d’ acqua  nel silenzio della natura immergeera glaciale in un atmosfera arcana , fuori dal tempo a cui non siamo piu’ abituati. Solo il vento e il passaggio delle gru che cominciano a sorvolare questi cieli ed a posarsi per qualche tempo su queste terre.La riserva naturale del Rogen è la nostra meta. cinquecento chilometri di un ambiente incontaminato . Dove è possibile  cammineremo a piedi  altrimenti anche per questo periodo useremo le racchette da neve per spostarci più facilmente. Per fare questo tipo di escursione non si richiedono particolari capacità se non una predisposizione verso i silenzi, gli spazi aperti , e uno spiccato spirito di adattamento. Le temperature , in giugno variano dai -1 ai 14 gradi sopra lo zero. Le giornate sono in genere belle ed assolate ma ci possono essere dei periodi dove temporanee cadute di neve o piogge brevi  potrebbero fare la loro comparsa.

Il programma sarà simile a “Tra cielo e terra” che troverete nelle altre sezioni del sito.  Con la differenza  che  verranno privilegiati quei sentieri , quegli itinerari che ci faranno rivivere le atmosfere dell’ era glaciale.  In questa settimana entreremo nella Riserva per incontrare il bue muschiato, l’ ultimo superstite di un era dominata da ghiacci perenni.  Questi . E’ sempre un emozione vedere questi animali vivere liberi seguendo il loro istinto-  proprio come avveniva tanto tempo fa quando gli uomini che attraversavano questi  luoghi sperduti attribuivano a  loro una natura divina.